Coldiretti

Nell’ambito del progetto Stupinigi Fertile, Coldiretti Torino intende co-progettare un percorso di animazione in collaborazione con tutti gli attori pubblici e privati del territorio con l’obiettivo di generare nuove reti collaborative e di far nascere nuove pratiche di agricoltura sociale.

L’idea nasce dalla presa di coscienza che per affrontare l’attuale crisi – economica, produttiva, sociale, ambientale, energetica, finanziaria – è necessario attivare un processo di transizione complesso, nel modo di produrre e distribuire valori, nel creare beni pubblici e privati, nell’operare e nell’interagire delle istituzioni pubbliche, delle imprese private, dell’agire dei cittadini, nel legare la gestione dei processi produttivi ai vincoli ambientali e sociali.

Si tratta di un cambiamento radicale che richiede a tutti gli attori di mettersi in gioco e di provare ad interpretare il proprio ruolo e le relazioni sul territorio in modo nuovo e l’Agricoltura Sociale ha in sé le potenzialità per aiutare questo processo culturale perché la sua vocazione è quella di generare cambiamento attraverso la contaminazione tra settori diversi. L’Agricoltura Sociale infatti coinvolge imprese agricole, cooperative sociali, associazioni, enti religiosi, enti pubblici, centri per l’impiego e servizi per il lavoro, scuole, servizi sociali, ecc.. in attività volte a promuovere azioni co-terapeutiche, di inclusione sociale e lavorativa, di educazione e formazione per soggetti a più bassa contrattualità (persone con disabilità psichiatriche o mentali, persone con disabilità fisiche, migranti, anziani, disoccupati di lunga durata, dipendenti da alcool o droghe, persone in regime alternativo al carcere o ex detenuti, minori con difficoltà di apprendimento, vittime della tratta, ecc.), ma anche interventi volti a rafforzare la rete dei servizi nelle aree rurali e in quelle peri-urbane (agri-asili, servizi di prossimità per anziani abili, turismo sociale, centri per anziani e giovani, ecc.) (Di Iacovo, 2008).

L’Agricoltura Sociale, capace di creare, allo stesso tempo valore economico e valore sociale, è strategica per affrontare la transizione dei sistemi locali, non tanto per gli esiti possibili su ampi strati della popolazione, quanto piuttosto come campo di sperimentazione per un cambiamento necessario.

Per realizzare questo processo di co-progettazione Coldiretti Torino nell’ambito del progetto Stupinigi Fertilesvilupperà – coinvolgendo le aziende agricole, i partner e gli attori del territorio, i cittadini, le seguenti attività:

1. seminario locale per condividere obiettivi e
modalità delle pratiche di AS da sviluppare sul territorio.
Verranno presentati modelli teorici e pratiche concrete già realizzate altrove per trovare le soluzioni più adatte al progetto Stupinigi Fertile e alle particolari caratteristiche del contesto in cui si sviluppa. Soggetti coinvolti: agricoltori delle cascine locali, servizi socio-assistenziali, cooperative sociali, centro per l’impiego, istituzioni pubbliche locali, scuole, ecc;

2. incontri, laboratori, giornate aperte in cascina e aperitivi agri-sociali
Per favorire la relazione e lo scambio tra gli attori del territorio in modo che si costruiscano linguaggi comuni e nuove narrazioni condivise del territorio sul quale insiste il progetto;

3. laboratori di consumo critico e consapevole
Rivolti a studenti e studentesse delle scuole del territorio;

4. accompagnamento delle aziende agricole nella costruzione di percorsi di AS

5. didattica per le scuole

 

Coldiretti Torino
Torino, via Pio VII, 97  – 10153
tel. 011-6177211
www.torino.coldiretti.it